Impianti solari fotovoltaici: è braccio di ferro tra associazioni e governo

Impianti solari fotovoltaiciSono giorni particolarmente caldi per il fotovoltaico e più in generale per il settore delle energie rinnovabili.

Dopo le proposte di modifiche al decreto legislativo avanzate dalle stesse aziende produttrici di pannelli solari fotovoltaici, è ora la volta delle associazioni ambientaliste: GreenPeace, Legambiente e WWF sono infatti protagoniste di ulteriori proposte di modifica, che riguardano in particolare la limitazione, non condivisa dalle tre associazioni, dell’installazione di impianti fotovoltaici a terra a un massimo di 1 mw e 50 kw per ettaro.

Legambiente, WWF e GreenPeace propongono di distinguere da tutti gli altri il caso di aree agricole di pregio, per le quali non si dovrebbe invece limitare l’installazione di moduli fotovoltaici. Secondo le tre più grandi associazioni impegnate nel campo del rinnovabile l’attuale decreto legislativo metterebbe a rischio il corretto sviluppo di due settori, eolico e fotovoltaico, che hanno dato prova di essere anche fortemente competitivi sul mercato.

La competitività del solare e fotovoltaico aumenta oggi di pari passo con l’aumentare delle possibilità per privati e imprese di installare pannelli per il proprio edificio o abitazione: le agevolazioni e gli incentivi per l’installazione sono infatti sempre di più a portata di chiunque, grazie a una regolamentazione regionale, non ancora nazionale, che ammortizza la forte spesa iniziale – ciò che allontana molte famiglie e aziende dal solare – con contributi che dilazionano nel tempo i pagamenti: Conto Energia, incentivazione introdotta nel 2005 dalla GSE, è una di queste possibilità, che remunera l’energia elettrica prodotta attraverso impianti solari fotovoltaici per un periodo di 20 anni.

Un ulteriore aiuto per avvicinare all’energia rinnovabile viene dagli uffici locali preposti, gli uffici locali per il risparmio energetico, e gli innumerevoli portali online sulle fonti rinnovabili che ogni giorno offrono informazioni e aggiornamenti sullo stato di salute di un settore sempre più al centro dell’economia, anche italiana.

condividi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>